Trekking & Hiking

Trekking & Hiking

Trekking & Hiking

Un viaggio a piedi per conoscere davvero i luoghi e osservarli con lentezza. In silenzio sentire il ritmo dei propri passi sulla terra e il battito calmo del bosco nel Parco Naturale Adamello Brenta. Gli impianti di risalita della Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta ti invitano a vivere la montagna anche d’estate.
A due passi, dalle stazioni di arrivo, si apre lo scenario meraviglioso delle Dolomiti. Lì vicino, si sviluppano sentieri per il trekking adatti a tutti, dalle famiglie con bambini agli escursionisti più esperti. Un’esperienza unica a contatto con la natura.

Se non sei un alpinista esperto, prima di iniziare un’escursione, chiedi sempre consigli e informazioni o fatti accompagnare da una Guida Alpina.


PINZOLO

Doss del Sabion
doss
Un panorama da sogno. Dall’arrivo della cabinovia si imbocca il sentiero che risale lungo la pista da sci. Si cammina fino ad arrivare a Malga Cioca e si continua lungo la via forestale con segnavia n. 357. Si gira introno alla montagna fino a incontrare Malga Grual, da dove si inizia a salire più decisamente. In breve ci si porta su un pianoro in corrispondenza della partenza delle seggiovie e si prosegue lungo la strada che gira verso destra in direzione ovest. Si continua fino al termine della stessa e si imbocca il sentiero con segnavia n. 357B. Lo si percorre salendo lungo la cresta nord del “Doss del Sabion” fino a raggiungerne la cima. È possibile variare l’itinerario giungendo qui direttamente con l’impianto di risalita. Dal Rifugio Doss del Sabion si continua in discesa percorrendo il sentiero denominato “Soffio del Vento” prima lungo la pista da sci (Grual) e poi lungo tutto il crinale verso est. Raggiunto il bivio, si ritorna sul sentiero n. 357, che porta al Passo Bregn da l’Ors. In località “Madonnina”, al crocevia, si imbocca il sentiero n. 307 e, dopo aver superato la “Baita dei cacciatori”, si segue la strada bianca fino a Malga Bregn da l’Ors. Abbandonata la strada, si gira a destra prendendo il sentiero “Fratelli Tartarotti” n. 307B e, superato il, ponticello, si procede in piano per tutto il pascolo fino ad arrivare in località Prà Rodont.
Difficoltà: media
Tempo di percorrenza: 5:00 h
Lunghezza: 11,6 km
[ Dettagli percorso ]

Rifigio 12 Apostoli
12apostoli
Escursione impegnativa e di grande soddisfazione verso il rifugio più occidentale del Gruppo di Brenta con magnifica visuale sulla Presanella.
Difficoltà: media
Tempo di percorrenza: 5:00 h
Lunghezza: 12,6 km
[ Dettagli percorso ]


MADONNA DI CAMPIGLIO

Giro dei 5 laghi
ritort
Tra rocce granitiche e suggestivi laghetti alpini, è uno dei trekking più amati e frequentati. Un vero classico che si sviluppa lungo le pendici del gruppo della Presanella.
Dal rifugio Pancugolo, vicino alla stazione di arrivo della cabinovia 5 Laghi, il sentiero n. 232 porta dolcemente al lago Ritort. La salita inizia da qui. Incamminati lungo il sentiero fino a raggiungere Passo Ritorto. Segui la serie di saliscendi fino al lago Lambin. Prima di proseguire, fermati e specchiati nelle acque cristalline di questo meraviglioso laghetto alpino. Recupera le energie e prosegui il cammino verso il lago Serodoli. Giunti al bivacco, puoi fare una piccola deviazione per scoprire un angolo di paradiso nascosto, il lago Gelato, oppure proseguire seguendo il sentiero n. 226 per raggiungere il lago Nambino.
Dopo una gustosissima pausa al rifugio, rimettiti in cammino e imbocca il sentiero che porta alla Piana di Nambino. Prosegui lungo il tracciato della pista per arrivare al punto di partenza.
Difficoltà: media
Tempo di percorrenza: 6:00 h
Lunghezza: 14,8 km
[ Dettagli percorso ]


Cima Zeledria
monte-zeledria
La salita al Monte Zeledria è breve e ripida, soprattutto nella prima parte. Ma il panorama vale davvero la pena.
Si arriva in quota con la cabinovia Pradalago e si imbocca il sentiero che parte nei pressi del rifugio. L’ascesa è regolare. L’unico punto dove porre attenzione è una breve scala metallica che permette di superare un breve risalto di roccia. Nella parte rimanente il percorso non presenta particolari difficoltà.
Una volta in cima, la vista è superba. Lo sguardo corre alle bianche Dolomiti di Brenta ai numerosi laghi presenti nella zona. Sulla vetta, a 2.427 metri, “sventola” una curiosa bandiera in metallo. Giunti alla meta, si potrà scegliere se raggiungere il Lago Serodoli, lungo il sentiero n. 226B, oppure arrivare al Lago delle Malghette attraverso il sentiero n. 267A.
[ Dettagli percorso ]


Orti della Regina
ortidellaregina
Si narra che in questo luogo si fermò una regina con la sua schiera di cavalieri in cerca di riposo, i quali le prepararono un giaciglio tra i sassi e che con acqua di sorgente innaffiarono il luogo dove d’incanto nacquero una varietà di fiori e cespugli. Da qui il nome Orti della Regina, una terrazza naturale tra le più suggestive del Gruppo Brenta e dall’elevato interesse geologico e botanico. Ai piedi della Pietra Grande, si possono ammirare infatti dei bellissimi fossili marini.
L’itinerario non è molto impegnativo e si snoda tra facili roccette e cenge. Si raggiunge con la cabinovia del Grostè e vicino al Rifugio Graffer si imbocca il sentiero n. 336.
Meta prediletta dell’imperatrice Sissi e della corte austriaca, il luogo regala un panorama mozzafiato.
Difficoltà: facile
Tempo di percorrenza: 2:00 h
Lunghezza: 4,5 km
[ Dettagli percorso ]


Camp Centener
Dal cuore di Madonna di Campiglio, si sale in cabinovia fino a Monte Spinale. Si imbocca il sentiero n. 331 e attraverso pascoli fioriti che appartengono all’antica Regola di Spinale-Manèz, affioramenti di rocce e doline, si raggiunge la conca del Camp Centener e il piccolo lago dello Spinale. Da qui si può proseguire per raggiungere i rifugi Boch o Graffer.
Difficoltà: facile
Tempo di percorrenza: 1:00 h
Lunghezza: 2,5 km
[ Dettagli percorso ]


Malghe Vagliana e Vaglianella
L’itinerario che conduce alle Malghe Vagliana e Vaglianella è un percorso facile. Il trekking inizia in località Fortini e con la cabinovia si sale fino alla stazione intermedia della telecabina del Grostè. Si scende lungo il sentiero fino a Malga Vagliana. Una volta superata, si prosegue in direzione di Malga Vaglianella. Per il ritorno, si continua a camminare fino a Malga Mondifrà, dove ci si può fermare per una pausa o per il pranzo. Si prosegue, infine, lungo la strada fino al punto di partenza, in località Fortini vicino alla cabinovia Grostè.
Difficoltà: facile
Tempo di percorrenza: 2:30 h
Lunghezza: 5,5 km
[ Dettagli percorso ]


Monte Spinale
spinalemonte.jpg
Se desideri fare una semplice passeggiata, il Monte Spinale è quello che ci vuole. Arrivi in cima in cabinovia. Qui puoi ammirare in tranquillità le Dolomiti e per poi ritornare in paese, a Madonna di Campiglio, percorrendo la strada sterrata di Malga Fevri oppure il sentiero che, tra abeti e larici, conduce a “Piazza Imperatrice”, un punto panoramico tra i più belli dedicato all’imperatrice d’Austria Sissi, che a Campiglio trascorse lunghi periodi di vacanza.
Difficoltà: facile
Tempo di percorrenza: 1:40 h
Lunghezza: 4,0 km


Monte Spinale- Vallesinella Alta 
vallesinella

Dalla stazione a monte della cabinovia Spinale ci si dirige a Malga Fevri e poi si cammina verso Vallesinella alta e le cascate di Vallesinella. Si scende poi al rifugio Vallesinella. Per chi lo desidera, è possibile il rientro a Madonna di Campiglio lungo il "Sentiero dell'Orso", aggiungendo 1 ora di cammino.
Difficoltà: media
Tempo di percorrenza: 2:00 h
Lunghezza: 4,5 km
[ Dettagli percorso


Giro dell'Imperatore 
Dal rifugio Boch, raggiungibile con la telecabina del Grostè, si seguono le indicazioni per il lago Spinale, dapprima attraversando la bella prateria di Camp Centener e poi lungo il sentiero Sat 331 fino ad un incrocio dove si piega a sinistra percorrendo la sommità del dosso che delimita il pascolo di Camp Centener per poi abbassarsi gradualmente fino ad intercettare il sentiero della Corna Rossa (Sat 382). Lo si segue fino al rifugio Graffer. È possibile accorciare il giro deviando da qui al rifugio Boch o al rifugio Stoppani, raggiunti entrambi dalla telecabina Grostè. Dal rifugio Graffer il giro continua per un centinaio di metri lungo il sentiero Claudio Costanzi (Sat 336) per poi piegare a sinistra e scendere fino a suggestivi pianori alla base di Pietra Grande dove il cammino prosegue tra praterie, larici e mughi. Guadagnata la selletta del Dos del Sparaver a quota 2.140 m si valica nel versante dei pascoli alti di Malga Vagliana; si scende ancora e, poco prima di raggiungere la Malga, una deviazione conduce in pochi minuti all'intaglio della Colèm. Ultimo tratto in piano seguito da una breve salita consente di terminare il giro al Rifugio Boch.
Difficoltà: media
Tempo di percorrenza: 3:30 h
[ Dettagli percorso ]


Rifugio Tuckett e Sella
tuckett.jpg
Domina uno sperone roccioso alla base del Castelletto Inferiore. Di fronte sta la Punta Massari. Intorno il paesaggio è severo. Quasi impressionante.
Il Rifugio Tuckett, con il vicino rifugio Sella, è a poco più di un’ora di cammino da Passo Grostè. Lo si raggiunge con la cabinovia del Grostè. Dal Rifugio Stoppani imbocca il sentiero n. 316. Per il rientro si consiglia la discesa fino a raggiungere Vallesinella, lungo il sentiero n. 317. Da qui, si può tornare a Madonna di Campiglio a piedi lungo la strada o il sentiero oppure utilizzando il trasporto eco-sostenibile tramite il noleggio di e-bike. Maggiori info.
Difficoltà: facile
Tempo di percorrenza: 3:30 h
Lunghezza: 8 km
[ Dettagli percorso ]


FOLGARIDA MARILLEVA

Passeggiata Malghet Aut - Monte Vigo

passeggiata-MAut-MonteVigo.jpg
Dal piazzale della telecabina a Folgarida (1.300 m) si sale al Malghet Aut (1.856 m), inizialmente su strada forestale e poi su sentiero. In alternativa, si può usare la telecabina.
Proseguendo su sentiero si raggiunge il Monte Vigo (2.180 m) in circa 1 ora. È possibile infine raggiungere il Lago delle Malghette dal Rifugio Orso Bruno scendendo lungo il sentiero SAT n. 201.


Sentiero dei pastori

sentiero-pastori.jpg
Il sentiero si sviluppa lungo un’antica via utilizzata dai pastori per il trasferimento dei bovini. Attraversando un S.I.C. (Sito di Importanza Comunitaria), dove cresce un lussureggiante biotopo, il percorso permette di godere di vedute mozzafiato sul Gruppo del Cevedale. Lungo la via, grazie a tabelle informative, è possibile scoprire la memoria di un’antica pratica agricola e pastorale, storie e leggende locali.
Di facile percorrenza, il sentiero parte da Malga Panciana all’arrivo della Telecabina Copai - Malga Panciana (1.8820 m). Dopo una salita di media difficoltà, s’incontra un pianoro panoramico di particolare valore paesaggistico. Da qui si prosegue fino al Rifugio Solander per poi arrivare al Lago delle Malghette. Potete ritornare a Malga Panciana prendendo lo stesso sentiero dell’andata oppure salire al rifugio Orso Bruno.



Grazie!

Grazie per la tua iscrizione!

Chiudi

Iscriviti alla nostra newsletter


* Campo richiesto

Lingua

Interessi

close
close

Contattaci

Folgarida Marilleva
+39 0463 988400

Madonna di Campiglio
+39 0465 447744

Pinzolo
+39 0465 501256

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo mail di conferma inviata all’indirizzo di posta inserito. Ecco le informazioni essenziali sul trattamento:

  • L’attività è svolta da SkiArea Campiglio Dolomiti di Brenta che rappresenta più contitolari del trattamento.
  • i dati acquisiti saranno utilizzati per l’invio di materiale di carattere informativo, promozionale o pubblicitario e saranno conservati e trattati per la medesima finalità sino al momento in cui l’interessato non faccia richiesta di cancellazione/disiscrizione attraverso i canali previsti. L’attività è svolta previo specifico consenso. È prevista la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
  • Puoi trovare la privacy policy completa al link https://www.ski.it/privacy


Credits


Supervisione Strategica

Real Web Srl
real-web.it | contact@real-web.it 

Concept, Design, Web

KUMBE Web & nuove tecnologie
www.kumbe.it | info@kumbe.it 

Nascondi video